Cerca
  • zottodan

LA BUONA SALUTE PASSA PER UN CERTIFICATO MEDICO SPORTIVO NON ABUSIVO


Mettereste la vostra vita e la vostra salute nelle mani di una persona priva di qualunque competenza o titolo riconosciuto? E’ quanto si rischia di fare affidandosi a quel sottobosco composto da figure illegali (non medici) che emettono certificati e purtroppo anche da medici non abilitati che si contendono il numero di prestazioni con tariffari irrisori, che dovrebbero perlomeno insospettire il paziente. Successivamente, gli stessi presidenti delle Società sportive non accertano o non sono in grado di accertare se il firmatario di un certificato sia il medico curante o un medico iscritto alla FMSI o uno specialista in Medicina dello sport.

Eppure la normativa è chiara in proposito ed è costruita per tutelare prima di tutto la salute del cittadino: non solo vuole un certificato medico sportivo per chiunque svolga o intenda svolgere una attività sportiva a livello sia agonistico che non agonistico, ma individua espressamente le categorie di medici abilitati a tale funzione. La mancanza di controlli sull’applicazione delle norme unita anche a una certa “ingenuità” di chi dovrebbe richiedere certificati solo da fonti certe e autorizzate, rischia di creare un circolo vizioso tra abusivismo professionale, rischi per la salute dei cittadini e minore tutela del lavoro, mettendo a repentaglio la stessa credibilità dei medici dello sport.

Di questo tema, fin troppo sottovalutato dalle istituzioni, il Sindacato dei medici dello sport sta da tempo facendo la sua priorità e, in questo senso, chiede alle Regioni di attivarsi per un efficace controllo e garantire il buon funzionamento del sistema sport/salute a partire dal primo gradino dell’attività, anche solo per confermare il diritto alla salute sancito dalla Costituzione.


28 visualizzazioni

Ai sensi e per gli effetti dell'art. 35, comma 1, del d.p,r, 633/72, così come modificato dall'art 2 del  d.p.r 5 ottobre 2001, n. 404, e dell'articolo 2250 del Codice civile come modificato dall'articolo 42 della legge 88 del 7 luglio 2009, si riportano le seguenti informazioni: Ragione sociale: Sindacati SIMeS, Sindacato dei Medici dello Sport e delle attività fisiche. Sede legale: Via N. Bixio 53 - 31100 Treviso. Sede Operativa: Via N. Bixio 53 - 31100 Treviso. Codice Fiscale e Partita IVA: 00000000000000.  PEC: sindacatosimes@pec.it

NOTE LEGALI: Privacy | Termini | Cookies
 
Copyright © 2017 www.sindacatosimes.it - All rights reserved